Programma 27-28 ottobre 2018

«A Sud di Padova, si estende una pianura immensa, delimitata dai Colli Euganei, dal mare, dai fiumi, una terra d’acqua e un mare di terra fertile e ubertosa, la terra che affascinò il poeta Shelley, una landa speciale quieta e assolata, una verde distesa. Qui, circondata da uno splendido giardino, sorge Gromboolia per la Contessa Evelyn van Millingen Pisani, così chiamata in onore del regno immaginario sognato da Edward  Lear, ovvero la Villa del Doge Pisani. Questo è il piccolo paradiso di Evelyn, “genius loci” del giardino, il cui spirito pervade e magnifica ancora la dimora e trasmette una emozionante atmosfera» (Margaret Symonds, “Days spent on a Doge’s Farm”, 1889.)

«…Forse questo giardino affaccia le sue terrazze sul lago della nostra mente» (Italo Calvino, “Le città invisibili”, 1972)

Villa Pisani Bolognesi Scalabrin

Giardinity Autunno 2018

Sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018

“Giardini immaginati, dove riconoscersi o smarrirsi”

Installazioni creative dedicate all’arte del giardino, delle mani e della mente

Giardinity

Mariella Bolognesi Scalabrin, proprietaria di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin e ideatrice dell’evento Giardinity, mostra laboratorio dedicata al giardinaggio:

«Giardinity 2018 si reinventa come spazio in cui il dialogo tra Natura e Arte può aprire le porte all’immaginazione creativa. Questa edizione vuole essere l’inizio di una nuova esperienza che, con la complicità e la fantasia degli espositori partecipanti, e l’interazione tra Natura e Arte, possa produrre un nuovo genere di mostra/mercato di piante, fiori, frutti e artigianato. Una festa, che possa generare novità e meraviglia, durante la quale assistere o partecipare a una serie di iniziative ed interventi, dall’ambito letterario a quello storico artistico sempre sul tema dell’elemento vegetale, che avranno luogo nel contesto della manifestazione. Una festa delle piante e dei fiori che coinvolge per intero l’antica Villa, le sue stanze affrescate, i suoi giardini, la barchessa, le pergole».

 

PROGRAMMA – Sabato 27 e Domenica 28 ottobre 2018

In autunno si pianta, si pota, si rifanno le siepi e si curano i prati, si interrano i bulbi e si dà avvio al sapiente, amoroso e paziente lavoro che consente di godere una primavera splendente, colorata e rigogliosa in un giardino smagliante. È per tale ragione che gli amanti dei fiori e delle piante visitano le feste dei fiori per preziosi consigli e naturalmente per gli acquisti.

Le barchesse e il giardino della Villa si animeranno con stand dove i migliori e selezionati vivaisti esporranno collezioni di bulbose e dove si potranno ammirare rose antiche, orchidee, piante, frutti, alberi e altre bellissime collezioni verdi.

Nel corso della Mostra è possibile seguire dimostrazioni pratiche, ricevere consigli sapienti e naturalmente fare acquisti. Soprattutto, Giardinity intende ricoprire, in un’atmosfera di bellezza, piacere e di gioco, il ruolo didattico delle mostre mercato di giardinaggio.

GLI ESPOSITORI – I VIVAISTI

Il giardino della Villa accoglierà selezionati rappresentanti del giardinaggio italiano che propongono le fioriture di fine stagione, gli arbusti autunnali, i bulbi, gli alberi da frutto e tutte le piante da mettere a dimora a partire proprio da questo scorcio di stagione. Non mancheranno le piante di cui circondarsi in casa, tra cui orchidee, tillandsie, cactacee, succulenti.

“L’arte delle mani” – Le sale affrescate della Villa accoglieranno gli stand di artigiani d’eccellenza: del tessuto, del colore, della pittura, della ceramica, della lana, del gioiello, del legno e dell’arredamento, della carta e del ferro.

Eccellenti produttori di dolci, cioccolati, mieli e marmellate, formaggi e cereali completeranno la rassegna artigianale.

L’ARTE E LE INSTALLAZIONI

Nel percorso espositivo saranno inserite le opere di tre artisti per sottolineare il dialogo tra Arte e Natura.

Si tratta delle installazioni di Sara Andrich, Gianluca De Nard e Beppino Lorenzet, tre scultori, amici e colleghi che da anni lavorano e collaborano insieme, mossi dalla passione per la scultura. Tre generazioni che condividono un solo intento: promuovere, grazie alla scultura, il bello estetico. Perché circondarsi di bellezza, attraverso l’arte e la natura, che sono da sempre binomio di equilibrio ed eleganza, migliora la qualità e l’armonia della vita. Il legno è il materiale utilizzato per le sculture, diverse le essenze lignee lavorate con sapienza e dedizione per dare vita e forma ai pensieri. La materia diventa, attraverso il processo creativo, poesia in immagine. Arte, natura e poesia, elementi che si fondono per diventare sculture. Sara, Gianluca e Beppino condividendo ognuno il loro piccolo mondo, regalano un momento di bellezza.

LE CONVERSAZIONI DI FABIO BORTESI

Si parlerà dell’intelligenza delle piante, della loro sensibilità, cosa significa per una pianta vedere e sentire (il racconto dei bellissimi studi di Stefano Mancuso, Renato Bruni, Daniel Chamowtz).

Poi il folclore, il rito, la fiaba, il mito.

«Le piante sono state Dei. Noi siamo stati pianta» I miti botanici, da Era a Persefone sono l‘eredità di un patto con la natura che oggi abbiamo interrotto. «La Cicoria è la sposa del sole, la Calendula lo segue in tutto il suo arco celeste. Il Tarassaco un oracolo d’amore»

LE CONVERSAZIONI DI PAOLO MARIOTTI

Si parlerà dell’importanza di ritornare a vivere in simbiosi con la natura, ritrovare, nelle frenetiche giornate quotidiane, momenti di tranquillità di poesia e meditazione, per sgombrare la mente e ritrovare la semplicità e l’eleganza di vivere con naturalezza le filosofie giapponesi che si basano sul ciclo biologico della vita. Paolo Mariotti fa parte dell’Associazione “Sakura Bonsai Club Pordenone” che ha lo scopo di divulgare le tecniche del fare bonsai, e si è specializzato nei “Kusamono “, “Sitakusa “, e “Kokedama”.

Sabato 27 ottobre dalle 14.00 alle 15.00: dimostrazione di come si costruisce un Kokedama;

Domenica 28 ottobre dalle 10.30 alle 12.00 dimostrazione di come si fa un Kusamono.

LE SIGNORE DELLA BOTANICA

Nella Sala dei Cavalli di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin, presentazione del libro “Le Signore della Botanica. Storie di Grandi naturaliste italiane” (Aboca Edizioni) con Antonio Bettero già docente dell’Università di Padova e l’autrice Elena Macellari agronoma e scrittrice. Al termine della presentazione, al pubblico verranno consegnati degli omaggi.

Sabato 27 ottobre ore 17.00 – Domenica 28 ottobre ore 11.30.

I CORSI

Sarà possibile seguire lezioni di decorazioni floreali tenute dalla maestra di Floral Design – Francesca Bozza de “Il Posto dei fiori” dedicate all’arte delle composizioni per la casa, per la tavola e per l’arredo (Domenica 28 ottobre: dalle 14.30 alle 16.30)

Con la guida di Roberta Libero, chef e scrittrice, si potrà seguire un piccolo ma originale corso di cucina, per cucinare il riso utilizzando con sapienza erbe e fiori e qualche segreto d’autore. Il risultato sarà una simpatica degustazione offerta ai presenti (Sabato 27 ottobre: 14.30 – 17.30; domenica 14.30 – 18.00)

LA MUSICA

“Musica per un giorno di fiori” –  Durante i due giorni di Giardinity ci saranno alcuni momenti delicati ed eleganti dedicati alla musica.

ATELIER PITTURA

In collaborazione con l’Istituto d’Istruzione Superiore G. B. Ferrari/Liceo Artistico di Este (Padova) e sotto la guida degli studenti delle classi 4a e 5a, i visitatori potranno apprendere i rudimenti della pittura sul tema dei ‘Giardini immaginati’, in una libera e creativa reinterpretazione cromatica e stilistica dei soggetti di antichi Papiers peints paesaggistici, fondale scenografico di questa edizione 2018.

LE MOSTRE

Nella Barchessa della Villa sarà visitabile l’installazione “Porte Svelate dell’artista Loredana Seregni.

Nelle Sale del piano nobile della Villa “Pittura in Villa” con le opere di tre giovani pittori: Mattia Pobbe, Maddalena Demba E Mirko Ongaro.

Nel Teatro di Villa Pisani sarà allestita la Mostra “Il Gran Gioco del Teatro”, a cura del Laboratorio teatrale “Antonio Corradini”: costumi, maschere e scene realizzate dagli studenti del Liceo Artistico di Este.

LE INSTALLAZIONI DI ROBERTO VISANI

Alcune opere di Roberto Visani andranno a intensificare il dialogo tra Natura e Arte. L’artista bresciano reinterpreta il minuscolo mondo dei semi valorizzandolo come monumento alla bellezza e alla creatività della natura.

ARTE, VERDE E PITTURA

Nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro, gli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore G. B. Ferrari/Liceo Artistico di Este (Padova), parteciperanno a Giardinity – Autunno 2018 curando una installazione artistica  Il filo di Arianna”, sorta di percorso labirintico lungo il quale le loro creazioni andranno a stabilire un fecondo dialogo con la raffinata grazia del giardino formale, l’imponente scenografia  romantica del parco e i sapienti  allestimenti dei vivaisti, proponendo così al visitatore una sorta di guida per immergersi nella bellezza, tra Arte e Natura.

LE VISITE GUIDATE

Quattro volte al giorno, le visite nel giardino e nel parco saranno guidate dagli allievi dell’Istituto d’Istruzione Superiore G. B. Ferrari/Liceo Artistico di Este (Padova). Gli studenti, discorrendo con i visitatori sul tema “Storia di un giardino eclettico”, coinvolgeranno l’ascoltatore in un racconto straordinario sulla storia del giardino e della Villa. Il giardino, riletto attraverso un lungo, accurato e profondo studio e ricerche storiche, diventerà così luogo di elezione per passeggiate culturali nel momento in cui le foglie si tingono di autunno e ciò non mancherà di sollecitare profonde emozioni e di dare voce al potentissimo genius loci della storica Villa: Evelina van Millingen Pisani.

Sabato 27 ottobre: dalle 15.00 e dalle 16.00
Domenica 28 ottobre: dalle 9.30 e dalle 15.00

PATATE DAL MONDO

Fabrizio Bottari dell’Azienda Agricola Villa Rocca (Rezzoaglio – Genova), specializzata nella coltivazione di patate presenterà l’esposizione “Patate dal mondo” grazie alla collezione del Consorzio della Quarantina, costituita da 400 antiche varietà di patate provenienti dai cinque continenti: un modo originale per ricostruire il percorso di diffusione del tubero andino dal Sudamerica all’Europa. Imperdibile il “Gioco della patata Quarantina” per imparare un sacco di curiosità sul celebre tubero e “Crea la tua varietà di patate” insieme agli esperti coltivatori dell’Azienda Agricola Villa Rocca.

TVS POINT – Indagine conoscitiva sul valore energetico reale di piante e fiori

Giardinity ospita per la prima volta e in via esclusiva l’attivazione di un TVS Point dedicato alla valutazione dello stato di salute e benessere delle piante e dei fiori.

Esiste una forma di energia invisibile che regola tutti i processi vitali. Per la prima volta questa energia è stata misurata in modo semplice rapido e diretto con un metodo ideato e sviluppato nell’Università di Padova (Prof. Antonio Bettero – Studioso Senior dello Studium Patavinum, Università di Padova e Dr. Davide Rossi – Direttore scientifico BAZH NGO – TVS Division). Con questo metodo è possibile valutare il riflesso di questa energia sulla superficie di ogni sistema naturale per valutare il suo stato di salute e benessere. Una goccia d’acqua applicata sulla superficie di piante e fiori può svelare questo mistero (TVS Concept).

Sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018.

GIARDINITY PER I PIÙ PICCOLI

I destinatari privilegiati dei laboratori previsti a Giardinity 2018 saranno i bambini. Con il programma Giardinitybimbo i piccoli potranno cimentarsi nei giochi, laboratori di giocoleria e arti condotti da un maestro dell’arte e uno “Spettacolo di Magia” del Mago Tortellino (Marco Camborata – Domenica 28 ottobre: mattino 11.00 – 13.00; pomeriggio 14.00 – 17.00) oppure partecipare a laboratori di pittura, su carta e su legno, laboratori di tessitura e creazione di fiori di carta, mosaici, collane e altri oggetti in compagnia di maestre molto creative (sabato 27 e domenica 28 ottobre: dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30  alle 18.00).

Le attività di Giardinitybimbo sono comprese nel biglietto d’ingresso alla manifestazione.

IL CONCORSO

In occasione di Giardinity – Autunno 2018 sarà indetto un Concorso rivolto a vivaisti, paesaggisti e studenti delle scuole superiori a indirizzo artistico o agrario per la progettazione di un giardino da realizzarsi nella successiva edizione 2019.

NOTE SU VILLA PISANI BOLOGNESI SCALABRIN

Nel luogo di una rocca estense medioevale, sorge la villa palladiana commissionata dal cardinale Francesco Pisani, patrizio veneziano e vescovo di Padova. Il palazzo rinascimentale, con affreschi del Veronese, dello Zelotti, del Varotari e del fiammingo Toeput, nasce come sede amministrativa delle proprietà fondiarie acquisite nel 1478 nella Bassa Padovana. Evelina van Millingen, l’ultima contessa Pisani, nata nel 1830 a Costantinopoli e cresciuta a Londra da una famiglia inglese e fiamminga, in pieno Ottocento crea il giardino e il parco nello stile gardenesque del tempo, con influssi islamici, riferimenti olandesi e un’ironia tutta sua. Evelina, rimasta vedova nel 1880 dell’ultimo Pisani, prese in mano le redini della proprietà fondiaria di 1200 ettari e, con lungimiranza, acume e la sapienza della sua cultura cosmopolita, apportò innovazioni agricole e realizzò attorno alla villa un parco paesaggistico e un giardino formale fiorito per la gioia propria e degli ospiti internazionali. Così come li ha voluti Evelina, ammiriamo oggi villa e giardino, restaurati e amorevolmente curati dall’attuale proprietaria, Mariella Bolognesi Scalabrin. Oggi quel giardino e quel parco, affidati da alcuni decenni alla nuova proprietaria, sono aperti alla visita e ai giorni di festa di chi ama piante e giardini.

 

Sito e social: www.giardinity.it, facebook.com/giardinity, twitter.com/giardinity, instagram.com/giardinity

Contatti Telefono: 0425/920016 – 336/496470; email: info@villapisani.it.

Dove: Villa Pisani – Bolognesi Scalabrin, via Roma 25, 35040 Vescovana (Padova).

Come arrivare: Dalla A13 BO-PD: uscita Boara – Rovigo nord, dal casello proseguire a sinistra, girare dopo circa 500 mt nuovamente a sinistra seguendo le frecce direzionali verso Vescovana. Passare due rotonde continuando dritti, alla terza girare a destra, al secondo semaforo girare a sinistra sulla piazza alberata, l’ingresso della villa è sulla sinistra.

Parcheggio gratuito nelle vicinanze della Villa.

Giorni e orari: sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018, dalle ore 9.00 alle ore 19. 00.

In caso di pioggia la mostra si tiene sotto le Barchesse.

Biglietti: intero € 8,00; bambini dai 6 ai 10 anni e adulti sopra i 75 anni € 6,00

Entrata gratuita per bambini sotto i 6 anni e portatori di handicap

Gruppo di famiglia di 4 persone: € 20,00 – Gruppi di più di 20 persone: € 6,00 a persona

Soci Touring Club, FAI, ADSI, Camper Life, Abbonati che presentano la «CartaVerde»: € 6,00

I cani sono graditi ma solo al guinzaglio e con accompagnatori educati muniti degli appositi sacchettini.

 

Durante la manifestazione è attivo il servizio di bar e ristorante affidato a Dario Ricevimenti.

 

Ufficio Stampa & PR M: Comunicazione

Micaela Scapin – Ph. 3384293592

info@micaelascapin.it

Giorgia Assensi – Ph. 3478951181

press@micaelascapin.it

www.micaelascapin.it

By |2018-10-16T09:05:16+00:0017 settembre 2018|0 Comments

Leave A Comment