Loading...
Home 2017-06-19T22:02:24+00:00
Loading...

[videomaker: Thomas Tosato]

Logo Villa Pisani Bolognesi Scalabrin

I bulbi di Evelina Pisani

Le emozioni e i cromatismi
del nuovo design impressionista olandese

24 marzo ~ 25 aprile | 2017

dalle ore 9,00 alle 18,00 orario continuato

Allo scoccare della primavera, 60.000 tulipani rendono spettacolare il giardino
di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin per oltre un mese, da fine marzo quando sbocciano le prime specie botaniche,
a fine aprile quando esplodono i tulipani da giardino tardivi in nuances sorprendenti.
Un’occasione unica per salutare la bella stagione
con un mare di colori e per conoscere le nuove tendenze paesaggistiche.

Per accedere ai dettagli sull’uso dei bulbi olandesi nel giardino
e sulle scelte stilistiche della garden designer olandese Jacqueline van der Kloet
basta cliccare qui.

Nello stesso periodo, tutte le domeniche

Festival primaverile dei sensi

Cinque fine settimana, ognuno dedicato a un senso differente: mercatino di fiori,
piante e oggettistica in tema, laboratori sensoriali, mostre e animazioni per bambini.

Per tutto il tempo della manifestazione

Tutti i giorni passeggiate libere in mezzo alle fioriture di tulipani mescolati ai fiori spontanei nel grande prato del parco e possibilità di visita guidata al giardino della villa.

24 marzo-25 aprile “La creatività della ceramica in 120 anni di tulipiere”. Nella Sala delle Allegorie di Villa Pisani esposizione dei tradizionali vasi per tulipani recisi realizzati dalla manifattura Ceramiche Dal Prà di Nove (Vicenza), attiva dal 1897.

6-25 aprile “Seduzione-Repulsione. Quello che le piante non dicono”. Nella grande Sala delle feste mostra interattiva proveniente da Brera e realizzata dalla Rete degli Orti Botanici della Lombardia in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Milano. Possibilità di visita guidata scientifica per adulti e ragazzi. Attività e laboratori didattici in tema durante la settimana per gli studenti delle scuole di tutti i gradi (su prenotazione) e la domenica per i visitatori più giovani.

24 marzo-25 aprile sala dei Pianeti: “I custodi della casa” esposizione di un pannello in seta di 6 m di larghezza  e 2,5 m di altezza con una grandiosa scena di lotta tra pavoni, dipinto dall’artista Loris Drago per l’azienda Kohro Inspiring Interiors. Il gesto pittorico essenziale della raffigurazione giapponese si gonfia di impetuosa eleganza grazie al motivo curvilineo dei piumaggi e degli elementi floreali, stilizzati come nelle opere dei preraffaeliti. Una vera gioia per gli occhi

Ogni domenica “Festival primaverile dei sensi” ogni volta viene considerato un senso, con mercatino di giardinaggio e artigianato in tema, laboratori per bambini, conferenza per gli adulti, visita guidata al giardino e al prato in cui sono in fioritura 60.000 tulipani. In occasione della domenica di Pasqua l’iniziativa è estesa al giorno successivo (Pasquetta) e per il ponte del 25 aprile il festival comprende le date tra domenica 23 aprile e il martedì festivo.

Lunedì 17 aprile ore 16 “Grande caccia all’uovo” con una gara di orienteering a premio per i bambini nel parco di Villa Pisani.

Si può accedere al programma dettagliato cliccando su ognuna delle immagini sottostanti

Villa Pisani Bolognesi Scalabrin desidera ringraziare:

Villa Pisani Bolognesi Scalabrin

Edificata sui resti di una antica rocca estense all’inizio del 1500 per volere del cardinale Francesco Pisani, della ricca famiglia veneziana dei Pisani di Santo Stefano, la villa conserva l’impronta medievale nella vasta piazza arborea a ridosso della via acquatica di accesso. Il nobile prelato affidò al Palladio i progetti delle sue dimore in terraferma e Villa Pisani, residenza deputata all’amministrazione di un immenso feudo agricolo, è un grandioso esempio di progetto palladiano. Gli affreschi del vasti saloni sono attribuiti a Paolo Veronese, Gian Battista Zelotti, Dario Varotari e ad un giovane fiammingo della stessa bottega, Lodewijk Toeput detto il Pozzoserrato.

Nel 1800 il palazzo fu arricchito con un originalissimo giardino e un parco romantico che si sono conservati in toto. A volerli fu Evelina van Millingen Pisani (1831-1900), nata a Costantinopoli da padre inglese di origine fiamminga, educata a Londra e sposa del patrizio veneziano Almorò III, ultimo discendente dei Pisani. L’impronta eclettica del giardino è dovuta alla vasta cultura cosmopolita di Evelina che mescolò, in perfetta armonia, il concetto di Hortus Floridus del fiammingo Crispin van de Passe, l’impronta della tradizione islamica assorbita negli anni giovanili trascorsi in Turchia, il dettato dell’architetto paesaggista inglese Sir Reginald Blomfield e lo stile del giardino formale all’italiana.

Al tempo di Evelina la villa divenne un salotto di personaggi d’alto rango: reali europei, l’imperatrice di Germania e numerosi intellettuali anglo-americani, quali Henry James, Vernon Lee e altri ancora, che nell’Ottocento scelsero di vivere a lungo in Italia e in particolare a Venezia. Margaret Symonds, una giovane scrittrice inglese che fu ripetutamente ospite di Evelina, pubblicò a Londra un delizioso libro sulla vita a Villa Pisani e gli illustri ospiti nel giardino di Evelina. Il volume è testimonianza di un secolo dotto e romantico, che racconta come un giardino sia un piccolo Eden dove le piante e i fiori sono protagonisti nei sentimenti umani. Questo patrimonio storico, artistico e naturale da decenni è tenuto in vita e curato con passione da Mariella Bolognesi Scalabrin, che ha raccolto la memoria del luogo e dei suoi abitanti nei secoli. Tutte le manifestazioni che si svolgono nelle sale e nel giardino di Villa Pisani, come il b&b e le feste di matrimonio, hanno lo scopo di condividere questo bene, valorizzarlo e conservarlo.

Loading...

[videomaker: Thomas Tosato]

Protagonisti di Giardinity

Le storie di giardini sono sempre storie di persone.

Evelina

Giardinity è un omaggio e una dedica alla contessa Evelina van Millingen Pisani, genius loci del giardino di Villa Pisani ora Bolognesi Scalabrin. Ed è un modo di riproporre, come memoria trasponibile nel presente, lo spirito di questa donna dell’Ottocento romantica e fattiva, dedita con uguale trasporto a natura e cultura. Evelina, che amava le bulbose e le rose, rivive nel suo suggestivo e magico Hortus Floridus, nella ricchezza e nella varietà di colori e di piante degli espositori di Giardinity, nel prato punteggiato di tulipani e fiori spontanei.

I tulipani

Nata nel 2013 da un’idea di Mariella Bolognesi Scalabrin, I Bulbi di Evelina Pisani nel 2015 è cresciuta ed è diventata GIARDINITY, una doppia splendida occasione, in primavera e in autunno, per far conoscere al pubblico il giardino di Evelina, dare spazio ad espositori di qualità e fare opera di divulgazione dei valori della Bellezza e dei piaceri del giardinaggio. L’evento della primavera 2017 conta su una straordinaria scena fiorita nel pratone di un ettaro e mezzo. Su disegno della paesaggista olandese Jacqueline van der Kloet che sposa in gradazioni cromatiche i tulipani olandesi e i fiorellini del prato naturale, è attesa tra fine marzo e fine aprile la fioritura di 60.000 tulipani. Stupirà questo stile nuovissimo, denominato “nuovo impressionismo olandese”, che ha già dotte avanguardie in tutta Europa, a New York e Tokyo.

Le eccellenze

Un nutrito gruppo di vivaisti italiani e stranieri specializzati sono invitati a Giardinity a presentare la loro produzione e ad offrire ai giardinieri amatoriali l’oportunità di acquistare piante inusuali e rare. Espongono a Giardinity anche numerosi artigiani, vere eccellenze del Veneto, regione creativa e di proverbiale tradizione manuale da molti secoli. Oltre che vetrina locale, Giardinity è anche richiamo di espositori da altre zone italiane e da sedi estere. Soprattutto, la manifestazione crea una rete virtuosa con chiunque creda nella qualità e nella cultura e allaccia sempre nuovi contatti, anche internazionali.

Occasioni d’incontro

Giardinity si propone di essere una iniziativa importante, ricca, capace di parlare a più sentimenti, e di far emergere gli autori coinvolti e i loro valori. I vivaisti, gli artigiani e i moderni creatori di design con la loro arte ed esperienza toccano gli animi. E così gli ospiti culturali, che spostano l’attenzione dal mondo delle cose a quello delle idee. Giardinity insomma è un appuntamento importante per gli amanti del giardino e per i raffinati collezionisti di piante, arredi, creatività artigiana, oltre che un’opportunità di incontro con esperti e studiosi. Giardinity infine si propone di fornire strumenti didattici in forma di gioco e di laboratori di manualità per i bambini nell’intento di formare la loro consapevolezza.

Informazioni utili

Giardinity Primavera: I Bulbi di Evelina Pisani è visitabile da venerdì 24 marzo a martedì 25 aprile 2017 tutti i giorni dalle ore 9,00 alle 18,00.

Nel caso di fioritura posticipata dei tulipani a causa dell’andamento climatico negativo la mostra potrà essere prorogata sino al 1 maggio compreso.

Visita guidata al giardino, accesso al prato dei tulipani e alla mostra delle tulipiere in ceramica tutti i giorni.

La mostra itinerante Seduzione Repulsione. Quel che le piante non dicono è visitabile tutti i giorni da giovedì 6 aprile sino al 25 aprile. È possibile acquistare sin dall’apertura della manifestazione il catalogo della mostra a € 12,00. Le scuole di ogni grado interessate alla visita e ai laboratori collegati a questa mostra possono farne richiesta per telefono o per mail.

Ingresso intero: 8,00.
Ingresso ridotto 6,00 per i visitatori di età superiore a 65 anni e tra 6 e 10 anni, soci FAI, Touring Club, ADSI e gruppi di oltre quindici persone.
Nei giorni infrasettimanali le classi scolastiche hanno accesso – su prenotazione – al prezzo simbolico di 2,00 per ogni studente.
Ingresso gratuito per i bambini fino a 6 anni d’età e ai portatori di disabilità (le aree accessibili ai visitatori con limitazioni motorie sono il piano terra, il giardino, il parco e le barchesse).

Il parcheggio è gratuito.

Tutte le domeniche, a Pasqua, Pasquetta e ponte del 25 aprile è funzionante un punto ristoro con piatti della cucina locale, vegetariani e snack. A Pasquetta è possibile acquistare sul posto o portare da casa il pic nic da consumare nel parco e nelle zone allestite con tavoli e sedie.

Potete contattarci ai seguenti recapiti

cellulare +39 336 496470
telefono e fax +39 0425.920016
e-mail info@villapisani.it

I cani possono entrare purché al guinzaglio per ragioni di sicurezza.

Non è previsto alcun cambiamento al programma anche in caso di pioggia.

Villa Pisani Bolognesi Scalabrin si trova a Vescovana (PD) tra Padova e Rovigo, in Via Roma 25.
Per raggiungere Villa Pisani Bolognesi Scalabrin dall’autostrada A13 BO-PD uscita Boara – Rovigo nord, dal casello proseguire a sinistra, girare dopo 800 m nuovamente a sinistra verso Vescovana. Passare due rotonde continuando dritti, alla terza girare a destra, al secondo semaforo girare a sinistra sulla piazza alberata, l’ingresso della villa è sulla sinistra.

CONTATTO

Per ulteriori informazioni, si prega di inoltrare la propria richiesta
utilizzando il presente modulo.